Già a febbraio spiegavamo il perché della costituzione di un progetto politico come Genova Cambia: solo un progetto di cambiamento, profondo e determinato, avrebbe potuto restituire speranza e futuro a una città altrimenti condannata a ripiegarsi mestamente su se stessa. Ad essere preda della peggiore politica” – così Simone Leoncini, portavoce di Genova Cambia, commenta a caldo i risultati elettorali che hanno visto consegnare Genova al centro destra.

Abbiamo sin dall’inizio ribadito la necessità di una proposta di totale discontinuità con tutto ciò che abbiamo ormai alle spalle, capace di parlare a tutti e non solo a circoli sempre più ristretti. Idee, programmi e metodi del tutto diversi dal passato. Gli azionisti di maggioranza del centrosinistra, invece – continua Leoncini – hanno scelto la via di una continuità confusa e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Magari la coalizione progressista avrebbe perso ugualmente, ma valeva la pena almeno di provarci.
A declinare l’innovazione siamo rimasti davvero in pochi e così il tentativo di fare qualcosa di nuovo si è rivelato vano. Come piantare un seme nel deserto. Nel deserto di questa politica arida e autoreferenziale, capace solo di esprimere gelo verso ogni sforzo di rigenerazione, nulla cresce.

Ora tocca ripartire – conclude Leoncini -. Portando quel che resta, poco più che un germoglio avvizzito a tornare a crescere nel vivo dei movimenti sociali e di cittadinanza. Sarà un percorso lungo e difficile, di ricostruzione, sperimentazione e opposizione. Siamo però convinti che anche dopo una sconfitta ritroveremo tante persone pronte a riprendere il cammino.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...